Corona. Nasce il primo film sul Covid – 19

0
285

Il Coronavirus ha invaso d’improvviso la vita dell’umanità intera, modificando irrimediabilmente le abitudini e lo stile di vita di ognuno di noi, senza alcuna possibilità di opposizione. E allora  come reagire a questo nemico invisibile che ci tiene in pugno? A  questa domanda è il Cinema che risponde, stigmatizzando le nostre più intime paure e portando il Covid – 19 sul grande schermo.

Sette persone restano intrappolate in ascensore, tra loro anche una ragazza cinese che si sospetta abbia contratto il Covid – 19. È questa la base della trama  di ‘Corona’, primo film, instant thriller psicologico da 63 minuti, diretto da Mostafa Keshvari, regista iraniano che ha studiato cinema e lavora in Canada, a Vancouver.

La pellicola  affronta il tema del pregiudizio: “Parla di paura, è uno studio sulla società, le persone e le scelte morali” dice il regista  al New York Times. L’idea è venuta al regista “proprio su un ascensore, oltre due mesi fa, leggendo la notizia degli attacchi che stavano subendo, per la paranoia legata al virus, i turisti cinesi. Il Covid-19 “è stato denominato all’inizio “virus cinese – ricorda Keshvari, parlando del film con Hollywood Reporter -. Ma ora colpisce tutti, non esiste un problema razziale. Ora la razza umana deve unirsi per sconfiggerlo. Il virus non discrimina, perché dovremmo farlo noi?”.

Oltre alla ragazza cinese, gli altri personaggi chiusi nell’ascensore sono un addetto alle riparazioni (Emy Aneke), l’unico che sembra riuscire a controllare la paura del contagio; una millennial (Zarina Sterling); un suprematista bianco (con tanto di piccola svastica sulla fronte) in sedia a rotelle (Richard Lett) ; il proprietario del palazzo (Josh Blacker); una donna in attesa di un bambino (Andrea Stefancikova) e un inquilino indebitato (Andy Canete). Nell’interagire dei protagonisti “vedi le loro reazioni istintive. Parlano l’uno sull’altro e la loro paura diventa reale”.

Keshvari ha iniziato a lavorare sul film a inizio gennaio; in due settimane ha scritto la sceneggiatura e in dieci giorni è stato creato il set: “Abbiamo affittato uno spazio e ci abbiamo costruito un ascensore”. ‘Corona’ è “ultra low budget”. Agli attori, da cui voleva il massimo realismo, ha dato spazio anche per improvvisare: “Ho chiesto loro di immaginare che il coronavirus fosse presente su quell’ascensore”. Il film è stato girato in pochi giorni a febbraio con una troupe di 25 persone: si era all’inizio dell’epidemia, “pensavamo sarebbe passata in fretta. Nessuno avrebbe potuto immaginare (tutto questo)”. Comunque fra cast e troupe non c’è stato finora nessun caso positivo al virus. L’idea iniziale era di proporre il film ai festival, ma ora con il lockdown e l’aggravarsi della pandemia l’unica opzione, per diffonderlo, “è lo streaming”. Per il regista, il film ora “appartiene all’umanità”.

Negli ultimi anni l’immagine, nella sua più totale accezione, ha dominato le nostre vite e allora perché non affidargli anche le nostre paure, nella speranza di poter comprendere quanto sia importante l’unità di un popolo per poter sconfiggere il grande nemico invisibile.

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome