Castroreale Mystery Festival 5, un compleanno all’insegna delle emozioni

0
310

Profumi, misteri, progetti di vita che si tramandano e poi ancora eccellenze italiane del territorio Castrense.
Tutto questo è stato la prima parte di Castroreale Mystery Festival che quest’anno, in occasione del suo quinto compleanno, è stato ospitato nel suggestivo  scenario del Santuario del Santissimo Salvatore.
Promosso dalla Pro Loco Artemisia col patrocinio dell’Assessorato Turismo Sport e Spettacolo della Regione Sicilia e la compartecipazione del Comune, e magistralmente condotto  da Cristina Marra, l’evento ha dato voce a storie di vario tipo,  non sempre avvolte da un fitto  mistero come nel caso della Principessa di Lampedusa di Ruggero Cappuccio, che nel suo romanzo narra la storia di Beatrice Tasca Filangeri di Cutò, la quale nel maggio del 1943 attraversa una Palermo deserta, tra le rovine provocate dai bombardamenti alleati. Ad interfacciarsi con Ruggero cappuccio una bravissima Olga Iossa,  presenza storica del Castroreale Mystery Festival che proprio in quest’anno festeggia i 10 anni del suo Brand: Eolie Parfums, e per l’occasione ha presentato un libro che è una specie di diario di bordo dei profumi: 10 racconti di grandi scrittori che ispirati dalle fragranze create dalla Iossa hanno dato vita a storie accattivanti.


Non sono mancate poi le eccellenze del territorio come Maria Elisa Rappazzo  del biscottificio La Botteguccia, e Enrico Rampi in rappresentanza di Contrada Crizzina che insieme alla  sorella Grazia ha trovato il modo di produrre lo zafferano anche sul territorio di Castroreale.


È così, come  non possono mancare le eccellenze del territorio, così non possono mancare neanche i grandi ritorni, come quello di Francesco Vitucci sin dagli inizi della kermesse ci ha fatto conoscere, attraverso i romanzi di  Yokomizo Seishi il mondo del Sol Levante da lui tradotti, viaggio questo che è continuato anche attraverso il concerto della straordinaria soprano Yasuko Arimitsu,  che accompagnata al pianoforte dalla pianista Maria Assunta Munafò ha chiuso la prima serata del Castroreale Mystery Festival.

La seconda serata della kermesse letteraria è stata aperta dalla musica del Maestro Alessandro Calcaramo che ha deliziato i presenti con musiche del tango argentino le quali hanno introdotto gli scrittori Gaspare Grammatico, autore del romanzo le spine del Fico d’India, edito da Mondadori, e Chiara  Ingrosso, autrice  del romanzo La regola di Nora edito da SEM. Due romanzi che in modo diverso portano il lettore alla scoperta dell’animo umano, attraverso storie  che pongono l’accento sul mondo del Crime.

 

Anche in questa seconda serata non è mancato l’incontro con l’eccellenza del territorio che ha fatto conoscere i presenti i gioielli del designer Rosario Alì creatore dell’anello emotivazionale. A chiudere la serata è stato il Maestro Alessandro Calcaramo, che ha emozionato i presenti c con l’esecuzione della colonna sonora de Il cacciatore, omaggio al grande Ennio Morricone.
La terza  e ultima serata del Castroreale Mystery Festival 2024 andrà in scena il 18 luglio, sempre al Santuario del Santissimo Salvatore.

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome