Lutto nel mondo della moda. Muore Sergio Rossi, simbolo del settore calzaturificio made in Italy

0
311
Sergio Rossi in una foto tratta dal profilo Facebook di Nicola Rossi, 3 aprile 2020. 
+++ ATTENZIONE LA FOTO NON PUO ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA LAUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA +++ ++ HO - NO SALES, EDITORIAL USE ONLY ++

Il Coronavirus continua a mietere vittime. Stavolta tra loro c’è anche Sergio Rossi, il noto imprenditore calzaturiero, che negli anni 60 ha dato vita ad  uno dei marchi  più noti del made in Italy, il quale si è spento oggi all’età di 85 anni presso l’ospedale Bufalini di Cesena. Negli anni 60 il noto imprenditore cominciò a esportare le sue scarpe in tutto il mondo. La sua attività continuò fino al 1999 quando cedette il 70% della sua azienda al gruppo Gucci e nel 2005 anche il rimanente 30%. Poi iniziò a occuparsi del mercato immobiliare, senza però avere la fortuna che ebbe con le scarpe, scontrandosi anche con le difficoltà del settore.

A occuparsi di scarpe è stato poi il figlio Gianvito con l’azienda Ggr, anche lui con esportazione di scarpe di lusso da donna, affiancato dal figlio Nicola, 26enne, che è stato candidato sindaco alle ultime elezioni comunali e candidato consigliere alle regionali. Dal 2007 al 2013 Sergio Rossi è stato presidente del Cercal la scuola internazionale di moda della scarpa riservato ai giovani. Il sindaco di San Mauro Pascoli Luciana Garbuglia ha proclamato per domenica 5 aprile il lutto cittadino.  Il mondo della moda piange uno dei suoi più grandi esponenti .

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome