Il Teatro Alfieri di Naso presenta il viaggio immaginario nella Sicilia di Kaballà

0
201

Domenica 16,  alle ore 18.30,  al Teatro Alfieri di Naso per la Stagione “Il teatro siamo Noi –  #diversamentegiovani”,  coordinata da Oriana Civile, salirà sul palco  Kaballà protagonista di un  “Viaggio immaginario nella Sicilia della memoria”. Contaminazione tra musica colta e popolare, poesia e letteratura, cinema e teatro. Al suo fianco in questo sorprendente viaggio musicale ci sarà anche il polistrumentista Antonio Vasta,  che lo accompagnerà  al pianoforte.

Da Milano, dove vive e lavora da anni, Kaballà, nato in Sicilia, ha scritto e composto per alcuni dei nomi più importanti della canzone Italiana e internazionale, da Carmen Consoli a Placido Domingo, da Eros Ramazzotti a Josh Groban, da Mario Incudine a Mario Venuti, da Antonella Ruggiero a Tony Canto. Come autore ha vinto premi di rilievo, tra i quali premio della critica e primo premio a Sanremo. Antonio Vasta, compositore e musicista (pianoforte, fisarmonica, zampogna, organetto diatonico) di Barcellona Pozzo di Gotto, vanta tra l’altro, collaborazioni con Francesco De Gregori e Franco Battiato.

“Viaggio immaginario nella Sicilia della memoria” espande i confini del concerto verso altri territori artistici, raccontando anche attraverso l’uso del dialetto una Sicilia sempre protagonista, prepotente, dolce, aspra e sapiente. Tra le sue canzoni ri-arrangiate in modo essenziale e raffinato, che sfiorano il jazz e la world music, Kaballà rilegge brani di poesia e prosa che spesso lo hanno ispirato – da Sciascia a Pirandello, da Consolo a Brancati – mentre su uno schermo scorrono immagini di grande suggestione, brani di film storici da Visconti ai Fratelli Taviani, da Straub e Huillet all’Istituto Luce, sapientemente montati da Sebastiano Gesù, critico cinematografico e docente di storia del cinema all’Università di Catania, scomparso recentemente. Tutto questo per narrare – sul filo del ricordo e con la forza del paradigma –  una terra, un popolo, un “modus vivendi”.

Se queste sono le premesse si preannuncia un vero e proprio viaggio dell’anima.

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome