La fabbrica degli stronzi chiude la I° edizione del Progetto EPIC

0
133

Ultimo imperdibile appuntamento targato Epic. Questa sera al Teatro dei 3 Mestieri alle ore 21.00 andrà in scena la pièce dal titolo “La Fabbrica degli Stronzi” di Kronoteatro e Maniaci d’Amore.

Questo progetto di promozione del teatro nelle periferie realizzato a Messina da Mana Chuma Teatro, in partenariato con Rete Latitudini e Teatro dei 3 Mestieri, è stato sostenuto con il contributo del Comune di Messina e dai fondi FUS (Fondo Unico per lo Spettacolo) del Ministero della Cultura.

Massimo Barilla, fondatore di Mana Chuma Teatro, fa un bilancio di questo intensi mesi: “Siamo stati presenti in quattro quartieri e abbiamo attraversato molti linguaggi diversi, con l’utilizzo di un impianto multidisciplinare che ha riguardato non solo il teatro, ma anche la letteratura, la danza contemporanea e la musica con delle produzioni innovative che mettono insieme tutte queste discipline. È stato un programma ricchissimo e abbiamo avuto ben due Premi UBU di quest’anno, come Marco Cavalcoli e Kronoteatro e, nel complesso, hanno fatto parte del nostro cartellone tante compagnie di rilievo nazionale e internazionale.

Con EPIC abbiamo dato continuità a progetti di intervento e innovazione sociale, con un’ottima capacità di radicamento nelle periferie. Quindi, non un’offerta culturale fine a sé stessa, ma un processo che ci ha permesso di innestarci nel territorio. Lo dimostrano le relazioni che si sono create in questo periodo, in un’ottica di prospettiva per nuove iniziative che si pongano in continuità con quello che già abbiamo realizzato. Questo è il risultato più importante”, conclude Barilla.

In scena, a dare spessore alla storia scritta dai Maniaci d’Amore e diretta da Kronoteatro, un grandioso cast formato da Tommaso BiancoFrancesco d’AmoreLuciana Maniaci e Maurizio Sguotti.

Siamo attorno alla salma di una donna. I tre figli devono lavarla, truccarla e vestirla prima del funerale. Mentre la preparano ripercorrono piccoli episodi significativi della vita famigliare. Si tratta di eventi neutri ma sempre vissuti come terribili abusi, alibi perfetto per continuare una vita senza responsabilità. Per questi personaggi la colpa di ogni loro sofferenza, frustrazione e sventura è sempre attribuita a qualcun altro: la crudeltà dell’altro sesso, la ferocia dei bulli, il duro mondo del lavoro. Ma soprattutto, lei: la madre.

Lo spettacolo sarà replicato anche domani, alle ore 21.00, sempre al Teatro dei 3 Mestieri.

 

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome