La pizza fritta di Enzo Piedimonte ottiene la certificazione AVPN

0
106

Enzo Piedimonte, il noto pizzaiolo napoletano trapiantato in Sicilia, continua a mietere successi nel panorama gastronomico nazionale.

Dopo essere stato insignito di riconoscimenti importanti, quali la presenza nella Guida del Gambero Rosso ed un posto di rilievo nella prestigiosa classifica dei Top 50 stilata da Luciano Pignataro, in questi giorni ha raggiunto un nuovo prestigioso traguardo.

La sua pizzeria “Piedimonte 1.0,” sita nel centro balneare di Rodia, è stata insignita della prima certificazione ufficiale in Sicilia per la Pizza Fritta, conferita dall’Associazione Verace Pizza Napoletana (AVPN).

“Da anni sono impegnato nella promozione e nella valorizzazione della Vera Pizza Napoletana – spiega Enzo Piedimonte – e dopo tanti successi e riconoscimenti era necessario, da parte mia, procedere alla tutela di un’altra eccellenza del food partenopeo: la Pizza Fritta. Ho pertanto voluto verificare che la Pizza Fritta che produco seguisse i dettami del disciplinare, con i suoi ingredienti di base, nella tipicità della stesura e della chiusura ed infine nella tecnica e nelle caratteristiche di frittura, non lasciando spazio a libere interpretazioni che sempre più spesso appaiono sul territorio”.

Da oggi quindi anche in Sicilia, grazie a Enzo Piedimonte e all’AVPN (Associazione Verace Pizza Napoletana), che ha messo a punto in collaborazione con il Dipartimento di Agraria dell’Università di Napoli Federico II. Da oggi quindi potremo trovare in tutti gli Street Food in cui sarà presente “Piedimonte 1.0”, l’insegna che certifica che la gustosa specialità è prodotta seguendo con precisione le accurate linee guida, offrendo ai clienti la garanzia di un’esperienza autentica e di alta qualità.

Con questa certificazione, Enzo Piedimonte si conferma non solo come maestro della pizza, ma anche come difensore delle tradizioni culinarie partenopee ed annuncia con entusiasmo l’introduzione di un nuovo menu dedicato esclusivamente alle pizze fritte.

 

 

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome