La rassegna Interpretare l’Antico presenta Un’altra Iliade

0
249

Prosegue la terza edizione della rassegna Interpretare l’Antico, nel suggestivo Teatro della Nike del Parco Archeologico di Naxos.

Il nuovo appuntamento è fissato per domani,  mercoledì 6 settembre,  alle ore 21.00 con l’anteprima dello spettacolo dal titolo  “Un’altra Iliade” prodotto da Mana Chuma Teatro ETS. Scritto e diretto da Salvatore Arena e Massimo Barilla, Un’altra Iliade” è una produzione innovativa, con una ricerca drammaturgica condotta in diversi campi artistici che si sovrappongono e si intrecciano.

È il ribaltamento del punto di vista di una storia nota a tutti. In quest’opera di Mana Chuma il grande poema epico viene riletto da una prospettiva capovolta, dal punto di vista degli ultimi, di due personaggi marginali che la guerra la subiscono e non la vivono da protagonisti, da eroi.

Allo stesso tempo è uno sguardo universale su tutte le guerre, sulle sopraffazioni, sulle storture che i conflitti continuano a produrre, ieri come oggi. Non a caso anche nell’idea di struttura scenografica ritorna l’idea dei morti in mare perché anche lì c’è una condizione di fuga dalla guerra e dalla povertà. Il testo si muove su due registri apparentemente molto distanti, la farsa e la tragedia, ma che nello sviluppo drammaturgico trovano una loro sintesi, un loro punto di equilibrio, e si rivelano necessari l’uno all’altro. Ad dare vita a questa struggente ricostruzione sarà Salvatore Arena.

“Un’altra Iliade è la nostra posizione rispetto alla guerra, è la possibilità di raccontare cosa pensiamo noi delle guerre ovvero una sconfitta per l’umanità che porta solo morti, feriti, dolore, distruzione. Ma un’altra Iliade non è solo una storia narrata dal punto di vista degli ultimi, è anche un racconto d’amore che attraversa le vicende dei due protagonisti: il troiano Atreo, che ha perso la moglie e il figlio, e che attraverso il racconto cerca di rivivere i pochi momenti di amore che la vita gli ha riservato; dall’altro lato c’è il personaggio greco, Tersite, che invece manifesta il suo bruciante desiderio di ritornare a casa, da lei, dalla donna amata”.

Come quasi tutte le opere di Mana Chuma, la Storia con la S maiuscola si mescola con le storie degli uomini comuni e, attraverso l’impianto drammaturgico, sono proprio gli ultimi, coloro che in genere non hanno voce, che non contano, che non hanno spazio nella narrazione ufficiale, a essere invece al centro della scena e del racconto.

Non ci sono più né Achei né Troiani, la paura, il dolore, il sangue, gli occhi e le mani si intrecciano e non hanno colore, si declinano in atti precisi raccontati dall’interno, come in un lungo piano sequenza, e quello che resta è solo… “polvere nell’aria”.

La rassegna Interpretare l’Antico, dedicata a spettacoli ispirati al Mito, diretta da Gigi Spedale, è organizzata dalla Rete Latitudini, con la collaborazione dal Parco Archeologico Naxos Taormina, diretto da Gabriella Tigano, e del Festival NaxosLegge, diretto da Fulvia Toscano. Parte integrante del più ampio progetto Comunicare l’Antico  la rassegna è sostenuta dal contributo di Regione Siciliana ed ERSU Messina, con il patrocinio del Comune di Giardini Naxos e la collaborazione del COSPES e del DAMS dell’Università di Messina.

Giovedì 7 settembre, invece,  alle ore 18.30, presso il Teatro Odeon in Taormina, andrà in scena spettacolo “CRONICARIO, performance poetica e musicale con l’autore” diretto e interpretato da Dario Tomasello, al violoncello Francesca Bongiovanni.

Ancora una volta il teatro si conferma essere una grandiosa fucina di emozioni ancor prima che di storie.

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome