Primavera dei Teatri di Castrovillari Fest: la compagnia Carullo-Minasi debutta con Umanità Nova

0
286

Ancora una volta è dal palcoscenico che si levano nuove e trepidanti emozioni.  Mercoledì, infatti, alle ore 20.30, la compagnia messinese Carullo – Minasi tornerà in scena al Capannone Autostazione di Castrovillari, debuttando in prima nazionale  con lo spettacolo “Umanità Nova – Cronaca di una mancata rivoluzione”. L’evento è infatti inserito nell’ambito della XXIII edizione di Primavera dei Teatri, festival organizzato da Scena Verticale, compagnia di Saverio La Ruina, Dario De Luca e Settimio Pisano.

La pièce prende spunto dai moti di Reggio. I cinque anarchici morti sulla strada, sono la disturbante scheggia di un’Italia impazzita, l’eco di un “mito” andato a finire male. Una generazione, quella dei ventenni del ’68, che ha lottato e che ha perso, anzi peggio è stata strumentalizzata dal potere.

 

Ha ragione lo scrittore Luis Sepulveda: “Narrare è resistere”.

Resistere alla tentazione di dimenticarli, di dimenticare.

Lo spettacolo intende farsi portatore dell’importanza della Storia, della sua conoscenza e della sua corretta trasmissione per evitare che i fatti si ripetano senza che li si conosca.

Non a caso il titolo dello spettacolo richiama il nome del celebre settimanale anarchico.

La scrittura del testo attraversa diversi protagonisti della vicenda, su tutti, Angelo Casile, uno dei cinque anarchici, ma non solo lui. Ci sono tante voci con linguaggi diversi ma col comune senso di raccontare dal proprio punto di vista la vicenda, una vicenda che pur rappresentando la Storia con la s maiuscola, ha finito per diventare una storia con la s minuscola, una storia che si è cercato in tutti i modi di dimenticare ma soprattutto di far dimenticare. Compito della drammaturgia è stato proprio quello di ripristinare i fatti, di assemblarli seguendo l’ordine degli eventi, eventi che vanno da Reggio a Milano, perché quel periodo storico, quell’occasione mancata in fondo non conosceva nord e sud, non conosceva settentrione e meridione. Ma riconosceva soltanto un sentimento comune: quello della rivalsa e della vendetta.

«Il potere corrompe sia coloro che ne sono investiti sia coloro i quali devono soggiacervi, sotto la sua nefasta influenza gli uni si trasformano in despoti ambiziosi e avidi, in sfruttatori della società in favore della propria persona o casta, gli altri in schiavi». Bakunin.

Lo spettacolo (Produzione Carullo-Minasi e Sciara Progetti Teatro), che vede protagonista sulla scena Giuseppe Carullo, ha la regia di Cristiana Minasi e la drammaturgia di Fabio Pisano, è stato finalista al Premio Dante Cappelletti 2023.

A conclusione di un percorso di ricerca, che in questi mesi ha dato luogo a tre studi sullo spettacolo, Umanità Nova – Cronaca di una mancata rivoluzione, dopo il debutto di Castrovillari, inizierà il tour nazionale.

Queste le date attualmente confermate: 25 giugno a Stromboli per la Festa di Teatro Ecologico; 2 settembre a Parma per Insolito Festival; 21 e 22 ottobre al Teatro dei Naviganti di Messina; 4 e 5 novembre 23 al Teatro Nest di Napoli.

Queste le premesse di uno spettacolo che intende non soltanto emozionare ma anche e soprattutto far riflettere i presenti sull’importanza del viaggio su questa terra.

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!