Tra le pagine di A Manchester con gli Smiths, un walkabout musicale

0
333

Chi non ha nella sua vita una band, un cantante, o semplicemente una colonna sonora alla quale affidare le proprie emozioni, le giornate no, e infine i momenti indimenticabili? Ebbene, per la giornalista Giuseppina Borghese, gli Smiths incarnano tutto ciò che abbiamo detto. Nella sua vita questa band ha segnato momenti belli, momenti brutti, momenti giocosi e momenti strani. La  loro musica è stata da sempre la  colonna sonora della sua vita. A loro ha dedicato il suo esordio letterario dal titolo A Manchester con gli Smiths. Un walkabout musicale.

Ma chi sono gli Smiths?  Gli Smiths sono una band britannica che vede la luce nel 1982 ad opera di Morrissey (voce), Johnny Marr (chitarra), Andy Rourke (basso) e Mike Joyce (batteria) nata nei sobborghi di Manchester che con la loro musica hanno cambiato il volto non solo della città che li ha visti nascere, ma dell’intera Inghilterra. Se noi oggi possiamo confrontarci con degli inglesi dalla mentalità aperta sul ruolo della donna, sull’omosessualità e contraria ad ogni forma di razzismo lo dobbiamo principalmente a loro che con la loro musica ne hanno aperto le menti. Perché se è vero che il progresso, e quindi la rinascita culturale di una città arriva all’improvviso, è anche vero che dietro questa rinascita c’è un grosso lavoro di rielaborazione culturale, portata avanti in primo luogo dalla musica, a cui fanno eco tutte le altre discipline artistiche.

Attraverso la musica degli Smiths è cambiato l’intero volto di Manchester, che da città rurale si è trasformata in un grande agglomerato industriale capace di dare lavoro alle nuove generazioni perdendo però la sua vera identità. E se gli Smiths sono importanti per Manchester lo sono ancor di più per la musica che da quel momento in poi non si è occupata più soltanto di tematiche sentimentali ma ha cominciato a spaziare tra i grandi temi della vita quotidiana.

L’opera, ad una prima lettura, si presenta come un saggio, ma così non è. È invece un lungo viaggio musicale attraverso il quale si scopre il legame profondo che unisce la giovane autrice alla musica di questa straordinaria band e a Morrissey, il suo frontman. Sono infatti sue le canzoni che hanno accompagnato i momenti e le scelte della giovane autrice che adesso rende loro omaggio in questo lungo excursus sulla loro musica, sull’impatto che questa ha avuto sulla società e sul successivo cambiamento del panorama musicale mondiale.

È per tale motivo che l’opera dal titolo A Manchester con gli Smiths, un walkabout musicale, pubblicato da Giulio Perrone Editore, è da ritenersi a tutti gli effetti un volume discografico, al pari dei loro album, che non dovrebbe mancare nelle librerie di coloro che si definiscono amanti della buona musica.

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome