Il corto di Daniele Esposito vince la XX° edizione di Guerre&Pace FilmFest

0
138

Si è conclusa ieri, nella suggestiva cornice del Forte Sangallo di Nettuno la ventesima edizione del Guerre & Pace FilmFest. Diretto da Stefania Bianchi, per il secondo anno consecutivo, il festival ha proposto una proiezione di cortometraggi, sempre incentrati sul tema della guerra e della pace.

La giuria ha premiato:
Miglior cortometraggio: Venti Minuti, diretto da Daniele Esposito
La motivazione del premio recita che: “il corto racconta in modo originale ed emotivamente coinvolgente uno degli episodi più drammatici della Storia. La coincidenza tra il tempo che viene dato alla famiglia per abbandonare la propria vita e la durata del cortometraggio fa sì che il tempo dello spettatore sia lo stesso dell’azione, creando un cortocircuito fortissimo tra il nostro presente e la tragedia della Storia”.

Quella di quest’anno é stata un’edizione speciale – sottolinea Stefania Bianchi – per la ricorrenza dei 20 anni del festival, ma sarà un’edizione anche necessaria alla luce della drammatica guerra in Ucraina, per denunciare e per far riflettere soprattutto le giovani generazioni sui drammi più epocali. Un’occasione per lo spettatore di vivere l’esperienza del Guerre & Pace FilmFest in un luogo ricco di significati e di grande valore storico e artistico. Ed è che così che la rassegna diventa anche un’opportunità per promuovere il nostro patrimonio artistico e culturale, dando allo spettatore la possibilità di fruire l’arte del cinema in un luogo d’arte come il Forte Sangallo di Nettuno”.

UNA RASSEGNA ‘GREEN’

Anche Guerre & Pace FilmFest si è mobilitata per combattere la crisi climatica e in questa ventesima edizione ha messo *in campo diverse azioni per dare alla rassegna, che si svolge all’aperto, una veste “green”, privilegiando l’impiego di mezzi, materiali e prodotti a basso impatto ambientale. La prima azione è partita proprio dai trasporti: Guerre & Pace FilmFest ha incoraggiato i propri ospiti e spettatori all’uso di treni, bus e biciclette per raggiungere il luogo dove si svolgevano le proiezioni. Altra azione è stata quella di ridurre al minimo biglietti, inviti, manifesti, programmi e comunicati cartacei, optando per i materiali digitali fruibili attraverso il QR code. Le prenotazioni sono state infatti gestite attraverso l’App di Eventbrite. I materiali sono stati stampati su carta riciclata ed ecologica. Altra azione è stata quella di comunicare durante le serate la responsabilità ambientale e promuovere messaggi di scelte sostenibili volte a suggerire, tra l’altro, la raccolta differenziata e l’utilizzo del vetro anziché della plastica. Una scelta questa importante per presentare la vision, i valori, l’attenzione alla sostenibilità del Guerre & Pace FilmFest e della sua organizzazione.
Si chiude così un’edizione che, come sempre, ha prodotto grandissime emozioni seguite da profonde riflessioni, soprattutto se si pensa al particolare periodo che stiamo vivendo.

 

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome