Il Teatro Vittorio Emanuele ospita il “Microcosmo di Rosa Rigano

0
299

Domani, alle ore 18.00, nel nuovo spazio espositivo del Teatro Vittorio Emanuele di Messina, nell’ambito del progetto “L’Opera al Centro” curato da Giuseppe La Motta, sarà inaugurata la mostra dal titolo “MICROCOSMO” dell’artista Rosa Rigano. L’evento sarà  impreziosito dalla presentazione di Anna Maimone.

Rosa Rigano è nata ed è residente a Messina. La sua presenza s’impone subito all’attenzione della critica in un certo senso come presenza inquietante proprio per la mobilità e le ambiguità dell’immagine pittorica, sospesa fra l’abbandono al sogno e la coscienza vigile di una realtà minacciata di degradazione sociale e ambientale. Nascono così intrighi di forme e di colori e superando le tecniche tradizionali applica materiali alternativi. delicate.
La Rigano, attraverso la sua sola pittura, afferma la necessità di essere persona libera, spiazzando e disorientando in tal modo il pubblico.

Il grande formato, anche se realizzato per frammenti, dimostra non solo salde conoscenze tecniche e il pieno dominio del disegno, ma trasmette una forza dirompente che irradierà tutto il percorso successivo. La Rigano continuerà poi ad esprimersi in forma pacata e i suoi corpi, splendidi nei dettagli, sempre parzialmente sfumati, continueranno a lungo a non essere rappresentati nella loro interezza.

La curiosità e la voglia di sperimentare forme e tecniche diverse, che qualche volta hanno disorientato la critica per l’alternarsi di pittura e scultura, di figurativo e informale, sono ancora vivacemente espresse in questo ultimo tratto del percorso. Anche ora, forse con maggiore libertà, le apparenti pause in cui prevale la volontà di misurarsi con la materia non solo riportano l’artista alla sua primitiva passione (la scultura), ma diventano momenti di riflessione teorica che finiscono per sostanziare le esperienze successive. Assodata la sua fedeltà al disegno e alla pittura figurativa, quando si impegna o si diverte a giocare con il caso Rosa Rigano si cimenta con la fusione del vetro, le tecniche di colorazione dei tessuti o l’encaustic.

Da simili riflessioni nascono le opere presenti in questa mostra. L’autrice affascinata dalla relazione tra infinitamente grande e infinitamente piccolo si confronta con il colore con rinnovato entusiasmo e pur guidandolo attraverso la tecnica lascia che questo si espanda in libertà sulla tela. Questo modo di procedere diventa ancora più visibile negli encaustic.
Qui pittura e scultura convergono e le tavole prendono corpo. Cera e colore mescolati attraverso il calore diventano materia plastica da trattare e si piegano a raccontarci di cieli, foglie, boschi, liane che richiamano antiche immagini di intrighi e legami, non più vincoli dell’umano, ma restituiti alla complessità della natura. La natura diventa dominante nella sua pienezza, ricchezza e crudeltà.

All’evento prenderanno parte saranno presenti il presidente Orazio Miloro, Il Sovrintendente Gianfranco Scoglio ed il consigliere di amministrazione Giuseppe Ministeri.
per voto/ anche i nostri colori siano appesi.”
La mostra potrà essere visitata tutti i giorni, escluso il lunedì, dal 25 marzo al 5 aprile nelle fasce orarie 10.00/12.30 – 16.00/18.40.

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome