Al Teatro Vittorio Emanuele l’inaugurazione della mostra Riflessi mediterranei

0
216

Domani, alle ore 18,00, nel nuovo spazio espositivo del Teatro Vittorio Emanuele di Messina, nell’ambito del progetto “L’Opera al Centro” curato da Giuseppe La Motta, sarà inaugurata la mostra di Nino Attinà dal titolo  “Riflessi Mediterranei”, arricchita dai testi di Sergio Mandelli, Giorgio Verzotti, Lucio Barbera e Osvaldo Patani Romeo.
Negli ultimi anni,  i suoi lavori sono stati sempre più caratterizzati da un segno libero, essenziale, a tratti nervoso, ma sempre più sicuro di sé. I volti e i corpi più che riconoscerli si intuiscono, composti come sono di pennellate sfilacciate, che si distinguono su un fondale di colori accesi. Nell’ultimo capitolo di questa storia, la pennellata che crea ricami sulla superficie, diventa scrittura e si libera definitivamente dalla figura per portarci dentro a paesaggi che sono solo puro colore. Le ultime tele, frutto degli ultimi mesi di lavoro, sono bellissime. Il gesto scorre via sicuro, la composizione si svolge in uno spazio dominato da una visione forte, decisa.

Nino Attinà ha realizzato una bella storia di pittura. Un pittore calabrese diventato milanese da tempo immemorabile. Classe 1953, la sua ricerca si era a lungo soffermata su uno strano connubio di colori vivaci e contrastanti, e temi legati invece alle atmosfere del realismo esistenziale milanese: scene di interni o di periferie urbane, di giostre, sempre connotate da una tonalità emotiva dimessa, intristita.

All’inaugurazione sarà presente anche il presidente Orazio Miloro.

La mostra potrà essere visitata tutti i giorni, escluso il lunedì, dal 29 dicembre all’11 gennaio nelle fasce orarie 10.00/12.30 – 16.00/18.30.

Un evento da non perdere per scoprire l’evoluzione di un’artista che, da sempre, ha prodotto, attraverso le sue opere, fortissime emozioni.

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome