Al via il Natale di Forte Ogliastri

0
193

Con il Natale dietro l’angolo anche Forte Ogliastri aggiorna i suoi appuntamenti. Da domani fino  al 6 gennaio prosegue il NATALE AL FORTE OGLIASTRI nell’ambito del progetto “ITINERA, ricerca, teatro, territorio” a cura della Compagnia Anatolè. La manifestazione è inserita nel “Natale della Rinascita” grazie al sostegno economico del Comune di Messina. Si ringrazia inoltre la V Municipalità per la preziosa collaborazione.

Una prima fase del progetto ha preso già il via mercoledì 8 dicembre con i laboratori creativi  “Facciamo l’albero” a cura di Enzo Currò e Giorgia Garibaldi per la realizzazione di decorazioni natalizie e “NataleLab” laboratorio a cura di Kanö Sartoria Sociale con scarti di cotone wax.

Il progetto “ITINERA, ricerca, teatro, territorio” persegue l’obiettivo di progettare e realizzare itinerari che percorrono la strada della ricerca in costante dialogo tra tradizioni culturali e nuove esigenze sociali. Il progetto Itinera vuole accostarsi al mondo dell’artigianato e delle piccole produzioni che, come gli artisti operanti in ambito teatrale, riescono a guardare alla tradizione con rispettosa evoluzione. Si punta alla valorizzazione delle coltivazioni locali a tutela dell’ambiente e del benessere dei consumatori a km zero, tra queste l’apicultura, che molto più di un mercato, è una vera e propria missione.

Di seguito il programma dettagliato del NATALE AL FORTE OGLIASTRI 

Dal 23 al 28 dicembre e nei giorni 2/3 e 6 gennaio (Ore 10.30 – 13.00 e 16.30 – 19.30) La mostra “Tracce di Fuoco”  la nuova collezione di Enzo Currò (resina, acrilici e sabbia vulcanica), “La processione”  video installazione permanente a cura della Compagnia Anatolé e il Mercatino degli artigiani e dei produttori locali: Angelo Garreffa, Antonella Caprì, Enzo Currò, Giorgia Garibaldi, Kanö Sartoria Sociale, NinniLab Onlus, Sabrina Gasparini, Il Forte dell’Arte, AMA Associazione Messina Apicoltori, Rete Coltivatori Peloritani-Buonaterra, Gabriella Russo e Nancy Barca, Carmela De Martino, Nata.

 

Nei giorni 25/26 DICEMBRE e 2/3 GENNAIO alle ore 11.00 e il 6 GENNAIO alle ore 18.00  andrà in scena “I giorni del Falco. Storie di Messina, di gente e di dei” – spettacolo itinerante a cura della Compagnia Anatolé, costruito in 5 quadri che raccontano storie diverse, e interpretato da Valeria Alessi, Romana Cardile, Mariachiara Millimaggi, Alessio Pettinato, Manuela Smeriglio e Luca Stella (costumi e scene di Romana Cardile, interventi musicali a cura di Mariachiara Millimaggi, testi e regia di Valeria Alessi).   Protagonisti sono un viandante  – Il Falco – e un musico svanito che, insieme, accompagneranno il pubblico attraverso le storie di una giovane donna innamorata, di due sopravvissuti al terremoto del 1908. La presenza di questi spiritelli pieni di vitalità condurrà, inoltre, alla scoperta di antiche divinità che sveleranno la necessità che muove l’intero spettacolo.

 

Ricca e fitta di appuntamenti è la rassegna teatrale per i più piccoli. Previsto anche un concerto corale, laboratori e reading.

  • 23 dicembre 2021alle ore 11.00 “La notte di Giufà” a cura del Teatro dei Naviganti
  • 24 dicembre 2021alle 16.30 Festa di Natale per bambini con cunti e canti a cura della Compagnia Anatolé
  • 24 dicembre 2021, alle ore 18.00,  il Concerto del coro “Note Colorate” diretto dal Maestro Giovanni Mundo.
  • 26 dicembre 2021alle ore 16.30 Presentazione del libro per bambini “Medusa la splendente” di Alessi e Lisciotto. Incontro con gli autori a cura di Opuntia Sicily Concept Store e Il Maggio Associazione di promozione culturale
  • 27 dicembre 2021, alle ore 11.00, “Upi pian pianino” – spettacolo a cura della  Compagnia Castello di Sancio Panza
  • 28 dicembre 2021, alle ore 16.30,  Laboratorio per bambini di ceramica – a cura di NinniLab Onlus
  • 6 gennaio 2022, alle ore 11.00,   “Mammadraga” spettacolo a cura della Compagnia Anatolé  e a seguire L’Epifania a Ogliastri, caramelle e dolci offerti ai bambini

Queste le anticipazioni di un ricco programma  natalizio capace di far dimenticare, seppure per un breve periodo, i tempi difficili che  stiamo attraversando.

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome