Apollo spazio arte presenta Arreda la tua città

0
228

Manca poco. Oggi, alle ore 12.00, sarà inaugurata in via San Filippo Bianchi, a Messina, tra la Multisala Apollo e l’Hotel Residence Cine-Apollo, nell’ambito del progetto Natale di RiNascita, un’esposizione di fotografie permanenti collocate negli archetti della via, dedicate alla città dello Stretto dal titolo Arreda la tua Città.

Molti gli interpreti di questa  mostra permanente. Tra loro fotografie di Alessia Borgia, Mimmo Irrera, Francesco Libro, Marcello Mento, Silvio Ruvolo e Matteo Savatteri. Sempre oggi, allo stesso orario, presso l’Auditorium “Fasola”, saranno presentati tre brevi video di grande impatto visivo: “Le fontane di Messina”, “Messina” e “Villa Cianciafara” di Mimmo Irrera ed Emilio Velletri, introdotti dal professore Franz Riccobono. L’ingresso è gratuito ed è obbligatoria l’esibizione in sala del Super Green Pass.

Si tratta di uno dei progetti comunali del “Natale della RiNascita” e l’iniziativa è dell’associazione culturale ApolloSpazioArte di Loredana Polizzi. «Riempiamo gli archetti della nostra panchina con meravigliose fotografie della nostra città», annuncia Loredana Polizzi, che prosegue: «Ci auguriamo di essere imitati affinché la nostra città possa essere di tutti e soprattutto riesca a coinvolgere tutti in idee, fantasia e voglia di fare, senza aspettare che altri facciano per noi. Il progetto comunale dà modo ai cittadini più fantasiosi di esprimere idee che rendano belli e originali gli angoli di Messina. Da anni abbiamo investito in questa città è ci auguriamo che vada sempre meglio».

Ritorna in mente pure la positiva operazione in via San Filippo Bianchi di cinque anni fa: «ApolloSpazioArte nasce in quel periodo grazie a una manifestazione che non ha avuto eguali, con allestimenti artistici in un’isola pedonale aperta alla città e alla creatività. Ora ci riprendiamo la strada sempre nel segno dell’arte e dell’inventiva», conclude Loredana Polizzi.

Un evento da non perdere per scoprire il nuovo volto della città dello Stretto.

 

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome