La scrittrice Patrizia Zangla presenta il volume Così vi racconto Nino Abbate

0
728

Nell’ambito degli eventi culturali organizzati dal Museo Epicentro di Gala (Barcellona P.G) sabato, alle ore 19.30, nel giardino del Museo, avrà luogo la presentazione del volume “Così vi racconto Nino Abbate” di Patrizia Zangla, edito da Epicentro.

L’opera racconta la vita dell’artista Nino Abbate, il suo folle volo, la nascita e il valore artistico del Museo Epicentro, custode di oltre 1200 Opere di cm. 30×30 realizzate su mattonelle dai maggiori artisti internazionali. Opere che hanno fatto la storia dell’arte contemporanea dal movimento di Corrente alle Ultime tendenze. All’evento   saranno presenti  anche Carmen Caruso, Gallerista, il professore Giuseppe Rando, apprezzato Critico letterario, e Andrea Cristelli, Direttore del Museo Epicentro.

Un evento che promette grandi emozioni  durante il quale gli ospiti potranno approfondire la conoscenza di un’artista contemporaneo   che negli anni ha tenuto alto il nome della Città del Longano. Nel corso  della serata  i partecipanti potranno ricevere copia del volume, ricco di aneddoti e fotografie, con un contributo destinato alla cura del museo.

Giornalista pubblicista, saggista, storica e professore Ordinario di Filosofia e Storia, Patrizia Zangla è Responsabile dei Progetti Educativi del Centro Studi Chimici-Falcone, Centro Studi Documentazione sulla Mafia, diretto dal Professore Saverio Di Bella dell’Università di Messina. Collabora con La Gazzetta del sud. Autrice di numerosi articoli specialistici e saggi storici, attenta ai temi della xenofobia antisemita e dei totalitarismi e alla cultura di Genere. 1943-1945: l’Italia in camicia nera (2014), è stato vincitore del Premio Franz Kafka 2013, della XXX edizione del Premio Internazionale “Letteratura” dell’Istituto di Cultura di Napoli e della Rivista internazionale Nuove Lettere e del premio della Giuria al Premio Internazionale Città di Cattolica 2015. Ha pubblicato per Leone Editore 1943-1945: l’Italia in camicia nera (2014) e A un figlio, amoroso giglio (2015).

 

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome