Restate al MuMe, in scena “Io mai niente con nessuno avevo fatto”

0
477

Nuovo appuntamento  della rassegna REstate al Mume,  organizzata dal Teatro dei 3 Mestieri.

Sabato,  alle ore 21.30, presso il  Museo Regionale di Messina andrà in scena lo spettacolo dal titolo  “Io mai niente con nessuno avevo fatto” diretto da Joele Anastasi,   e  prodotto da Fondazione Teatro di Napoli.

La pièce racconta la storia di Giovanni, incarnazione dell’ingenuità e della passione allo stato puro, dell’innocenza che supera tutte le barriere della conoscenza e dell’ignoranza: un pezzo unico di anima che dice tutto quello che pensa, che crede a tutto quello che gli viene detto. Giovanni è la forza e il coraggio di chi non riesce a vedere il mondo se non come uno spartito di note da danzare. L’istinto alla vita, alla sopravvivenza.

Al di là della malattia. Al di là del male.

L’universo in cui gravitano i tre personaggi di questa pièce è un universo popolare. Uno scenario pieno di brutalità e d’istinto. Dove nulla è comandato dalla mente ma solo dall’impulso del corpo. Uomini che sono bestie, che sono angeli, che sono demoni. La violenza si scontra con l’ingenuità, in un mare di brutalità, dove Rosaria, cugina di Giovanni, è tutto per lui. Sorella, fidanzata, madre e figlia.

C’è spazio per l’amore e c’è spazio anche per la rivalsa. Ma tutto ha un prezzo. Giovanni lo sconterà attraverso gli occhi ambigui e violenti e il corpo pulsante e focoso di  Giuseppe, insegnante di danza, unico amore-amante di Giovanni. E se è vero che tutto il peso ricade proprio su Giovanni, ingenuo e puro, lui sarà l’unico capace di sopportare questo peso e di non sentirne addosso la minima pressione riscattandosi proprio attraverso i corpi e le anime dilaniate di Rosaria e Giuseppe.

Ma saranno tre corpi, quelli dei protagonisti, che non si incontreranno mai. Vivranno uniti solo nel ricordo, nella maledizione, nel tentativo ora di ricordare e ora di dimenticare.

A dare vita e corpo alla storia un grandioso cast formato da Joele Anastasi, Enrico Sortino e Federica Carruba Toscano.

Sensualità e colore  si mischiano grazie alla forza viva di un dialetto pungente e dolce e di una recitazione autentica e carnale, tutti elementi che cattureranno il pubblico sin dalle  prime battute offrendogli in  cambio moltissime emozioni.

 

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome