Patti: Nutrimenti Terrestri presenta Un giorno quasi perfetto

0
201

Continuano gli eventi firmati Nutrimenti Terrestri. Dopo il grandioso successo della pièce Le Mille Bolle Blu, andata in scena ieri al Museo Regionale di Messina  per la rassegna MuMe20Off organizzata da Giovanni Maria Currò e Mauro Failla, adesso è il momento di pensare al prossimo spettacolo.

Stasera, infatti, presso l’ex convento San Francesco, nel centro storico di Patti, andrà in scena, in doppia replica alle 21.30 e alle 23.00, lo spettacolo lo spettacolo dal titolo “Un giorno quasi perfetto” di Antonino Anelli e Michelangelo Maria Zanghì, che cura anche la regia.

In scena, Francesco Natoli con i costumi e gli elementi scenici di Cleopatra Cortese, aiuto regia di Antonino Anelli, foto di scena di Domenico Genovese. Una produzione Compagnia Teatrale Santina Porcino in collaborazione con Nutrimenti Terrestri. Uno spettacolo – si legge nelle note di regia – che “parla di  ognuno di noi, perché racconta del rapporto più antico e viscerale che possa esistere: quello tra genitori e figli”. Protagonista è Marika, che, isolata e rinnegata dalla famiglia, abbandona il paesino natale della provincia siciliana per trasferirsi nella Milano “da bere” con la speranza di poter vivere liberamente la propria identità di genere.  “Marika, infatti, è nato uomo ma non ha mai accettato il suo corpo “difettoso”: lei è donna contro tutti e tutto. Ma succede qualcosa che ribalta il corso delle cose e Marika, dopo anni di solitudine, ha, suo malgrado, la possibilità di recuperare il rapporto col padre”. In un finale di speranza, malinconia e umorismo che svela le mancanze e le aspettative che tutti noi, sia genitori che figli, viviamo quotidianamente.

Queste le premesse di uno spettacolo di uno spettacolo che saprà catturare il pubblico sin dalle primissime battute ed emozionarlo fino alle lacrime.

Ancora una volta il teatro si fa portavoce di grandi battaglie che altrimenti sarebbero taciute o peggio ancora abbandonate nel dimenticatoio.

 

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome