Calliope sbarca su youtube con il suo nuovo singolo dal titolo il Re Minore

0
599
Tamara Macera

Dopo aver vinto, a  maggio,  il Premio Letterario Nazionale Salinger con il suo racconto “Donna Airone” Tamara Macera, alias Calliope, torna al suo pubblico con il suo terzo  inedito e videoclip musicale “Il Re minore”, diretto da Ottavio Proietti, che da giugno è disponibile su youtube.

Il Re minore traccia un cammino alla  riscoperta di sonorità aggressive e testi ermetici. Fondamentale è l’utilizzo della parola nella sua completezza su tonalità che danno spazio ad una voce grave e corposa. Ogni canzone non guarda a tematiche specifiche, il tutto si distacca dalla dimensione sociale e sentimentale, punta invece all’espressione di una qualche verità. Lo stesso vale per la musica che non trascende mai dalla parola e ne diventa serva.

 

Originaria  di Cesena, Tamara Macera,  fin da piccola coltiva la sua passione per il canto e la scrittura.  Nel 2014 pubblica il suo primo romanzo, dal titolo ”Il naturale processo di eliminazione”, presso la casa editrice  “Valletta Edizioni”. L’opera racconta la storia di una ragazza alle prese con le prime scelte importanti nella vita, in un’età e in una società in cui tutto tende ad eliminarsi o in qualche modo ad essere eliminato.

Nel 2016 pubblica il suo secondo romanzo “Sofia in punta di piedi”. La storia si svolge su due binari paralleli: un uomo e una ragazza alla ricerca di “qualcosa”, due voci che sembrano distanti ma che alla fine riescono ad incontrarsi. Una sorta di cammino alla riscoperta di se stessi.  Nel 2017 consegue la sua prima laurea in Conservatorio e pubblica su youtube un primo inedito e videoclip musicale “ In Carta Vergine”, diretto da  Ciro Formisano, regista pluripremiato per il film “L’Esodo”, interpretato da Daniela Poggi. Nel 2018 partecipa a diversi concorsi letterari tra cui il “Premio Prunola”, svoltosi a Castelfranco Veneto, nel quale avrà una menzione d’onore, e il “Premio Bukowski”, con il racconto inedito “Donna Airone”.

Artista a 360 gradi le sue sono opere che scavano dentro, che tracciano il solco per accogliere l’evoluzione che ognuno di noi elabora su se stesso.

 

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome