Il volo della civetta: arte, giallo e passione nel romanzo di A. Genovese

0
252

Scrivere di ciò che si conosce, sia che si tratti di territori professioni o sentimenti. È questo il principio fondamentale al quale si attengono tutti gli scrittori per scrivere un’opera indimenticabile.

A questo principio aderisce anche Antonino Genovese, autore del giallo dal titolo Il volo della civetta edito da Clown Bianco, e vincitore del concorso letterario Giallo Luna Nero Notte. Ancora una volta la città del Longano torna ad essere protagonista. È proprio a Barcellona Pozzo di Gotto, infatti, che ancora una volta è ambientata la storia di cui ci parla Genovese.

Tutto parte dal furto di un quadro, il Volto Santo, un’opera inestimabile valore custodita in una chiesetta di Venetico Superiore. Parallelamente al furto avvengono due omicidi; vittime un professore e un blogger amante dell’arte ai quali vengono mozzate le mani. Tutto lascia pensare che si tratti di un regolamento di conti in pieno stile mafioso.  Ma sarà veramente così?

Al caso lavorano Michela Giorgi, maresciallo della sezione tutela del patrimonio, e Giacomo Vella detto l’Islamico a causa della sua fede religiosa.

Al loro fianco c’è anche Francesco Spagnolo noto critico d’arte e amico di infanzia di Giacomo Vella, nonché ex amante di Michela Giorgi.

Sullo sfondo di una Barcellona a tinte noir si svolge una vicenda ricca di colpi di scena, ma anche ricca di storia perché la vicenda alterna presente e passato consegnandoci un pezzetto di vita dell’artista Vincenzo Bellini.

Ancora una volta Antonino Genovese ci consegna una storia ricca di colpi di scena in cui le emozioni si susseguono di pagina in pagina e si alternano in modo inatteso. Così il lettore potrà vivere un viaggio all’insegna della tensione, ma anche sgomento, sollievo, felicità e stupore per quell’ultimo, inaspettato colpo di scena.

Un mix di elementi che determinano la maturità di un autore che storia dopo storia sa come coinvolgere il suo pubblico regalandogli di volta in volta emozioni da bere tutto d’un fiato.

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome