Gran finale di Scoprir, Mostra del Cinema Iberoamericano

0
266

Si conclude oggi  a Roma, SCOPRIR – Mostra di Cinema Iberoamericano, giunta alla sua undicesima edizione, organizzata dall’Instituto Cervantes di Roma  in collaborazione con le ambasciate latinoamericane in Italia.

In questi giorni presso la Casa del Cinema di Roma sono stati  proiettati film in lingua originale con sottotitoli in italiano.

Quest’anno è stata presentata una nuova sezione: Espacio Femenino, ciclo del cinema dedicato alla cultura femminile e alla produzione cinematografica realizzata da donne.

I film che costituiscono questo programma sono stati selezionati tra le creazioni dell’ultimo decennio in Spagna e in America latina. Tutte le registe selezionate esprimono un grande desiderio di autoconsapevolezza e di incontro attraverso l’immagine e la parola.

La mostra si chiude stasera 17 settembre con PLAZA CATEDRAL di Abner Benaim da Panama Alicia aveva una“vita perfetta”e l’ha persa.

Il messicano MI NO LUGAR  di Isis Ahumada Monroy È un viaggio attraverso la mancanza di radici, che porta Jonathan a vivere in luoghi stranieri che lo rifiutano e il cubano CUENTOS DE UN DÍA MÁS di Fernando Pérez Valdés, Alan González Hernández, Katherine Gavilán, Sheyla Pool Pastor, Arturo Sotto, Carolina Fernández, Eduardo Eimil, Yoel Infante Sei cortometraggi, indipendenti l’uno dall’altro, parlano d’amore in tempo di pandemia.

La sezione di Espacio Femenino: ÁFRICA 815 di Pilar Monsel Attraverso le fotogra­ e i diari di suo padre, Manuel Monsell, durante il servizio militare nella colonia spagnola del Sahara nel 1964, l’autrice contrappone i miti dell’amore romantico e della famiglia ideale con desideri reali e con la necessità di trovare se stessi LAS CINÉPHILAS Questo documentario di Maria Alvares ha come protagonista tre donne pensionate, residenti rispettivamente a Buenos Aires,Madrid e Montevideo. Nonostante siano separate da unagrande distanza geogrfi­ca, hanno qualcosa in comune: la passione per il cinema.
VIAJE AL CUARTO DE UNA MADRE Di Celia Rico racconta il rapporto di Leonor con la madre per iniziare ad essere se stesse separatamente.

LA MAMI questo documentario di Laura Herrero segue la vita quotidiana delle donne che lavorano come escort e soprattutto di Donna Olga, che chiamano «Mami»: ex stripper. UN MUNDO PARA JULIUS di Rossana Díaz Costa Julius è un bambino appartenente alla classe alta di Lima, Perù, negli anni ‘50. Con il passare degli anni, Julius perderà gradualmente l’innocenza, scoprendo e non comprendendo mai un mondo adulto pieno di disuguaglianze e ingiustizie.

Tra i cortometraggi ORO ROJO di Carme Gomila, cortometraggio animato, attraverso la situazione di tre donne marocchine immigrate che lavorano nella periferia di Huelva, avanza una denuncia sociale che include temi tra i quali lo sfruttamento dell’ambiente, del razzismo e del capitalismo;  ESCAMAS di Katherina Harder in cui Alicia non si sente a suo agio nel proprio corpo dopo la mastectomia. Un incidente domestico la porta ad incontrare la sua nuova vicina Lucía, una donna transessuale. Ciascuna troverà nell’altra un pilastro su cui appoggiarsi durante il difficile processo di scoperta di se stessi e di accettazione e SORDA di Nuria Muñoz Ortiz e Eva Libertad: Ángela e Darío sono una giovane coppia che deve affrontare una nuova s­fida: avere un bambino. Ángela combatte una guerra diversa: come può una donnasorda lottare contro una società pervasa dai pregiudizi.

Si preannuncia una serata caratterizzata da grandi emozioni.

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome