Acireale ospita l’anteprima regionale del film Anemos – il vento

0
126

L’attesa è finita. Domani, alle ore 20.00, presso il Cinema Spadaro di Acireale, sarà  presentato in anteprima regionale  il film dal titolo  Anemos – Il Vento, diretto e prodotto da Fabrizio Guarducci (Una sconosciuta – Mare di Grano), prodotto e distribuito da Fair Play.

Presentato dal regista insieme al co-produttore Matteo Cichero, il film, metafora del Divino, che si sente ma non si può vedere, racconta il rapporto tra gli uomini e il senso del divino: dai miti greci al cristianesimo, fino ai giorni nostri. Grazie a personaggi noti come Platone, Pitagora, San Benedetto e Gesù, lo spettatore ripercorre i momenti della Storia in cui il vento diventa portatore di un messaggio di spiritualità, per cercare di dare una risposta alle domande che l’Uomo si chiede da millenni.

La narrazione parte dalle esigenze di una madre di rispondere ai dubbi del figlio sul mistero della vita, che ci fanno considerare alcuni personaggi che, nel corso della Storia, hanno avuto lo stesso dilemma: la ricerca del divino al di fuori di ogni risposta dogmatica. Durante il percorso si evidenziano le esperienze individuali di filosofi, monaci, profeti, mistici, fino ad arrivare a quelli che si sono più avvicinati ad una risposta certa: i Catari, perché la ricerca del Divino era un fatto sociale e non individuale e questo si rifletteva su una società giusta ed egualitaria in cui tutti i beni erano in comune. L’anello di congiunzione è Benedetto da Norcia che ha lasciato la comunità religiosa per ritirarsi umilmente in una grotta, per distaccarsi e cercare quella scintilla divina, che poi ha condiviso con tutti i suoi seguaci.

Una pellicola che porta, dunque, sul grande schermo una storia ricca di spiritualità, impreziosita da un grandioso cast internazionale. Tra i suoi interpreti infatti troviamo Vincent RiottaMarc Fiorini, Alessio Di ClementeGiorgia Wurth, con la partecipazione straordinaria di Sebastiano Somma. Ad impreziosirlo ulteriormente le musiche originali firmate dal Maestro Pino Donaggio, il montaggio di Paolo Marzoni, la direzione della fotografia di Stefano Spiti, le scenografie di Ester Musatti ed i costumi di Gabriella Ferrera.

Il film vuole aiutare ad indicare un percorso interiore che purtroppo non si fa più, in quanto la scintilla divina dell’Uomo è sotterrata da un individualismo materialista che l’ha soffocata. Da qui una pressante esigenza di ritirarsi e cercare le risposte seppellite dentro di noi”. Fabrizio Guarducci

“Anemos  – Il vento” è un film girato prevalentemente nella splendida Sicilia, ricca di luoghi straordinari, magici e colmi di storia, l’obiettivo delle nostre produzioni è valorizzare la bellezza dell’Italia, offrendo allo spettatore alcune location uniche, dalla Sicilia alla Calabria, dalla Tuscia alla Toscana: le Gole dell’Alcantara, l’Orecchio di Dionisio, il Parco del Plemmirio, l’Etna, la Valle dei templi, l’Arco Magno, l’Abbazia di San Giusto, e molte altre. Guarducci pone al centro del film un messaggio di spiritualità, che muove le emozioni dentro allo spettatore, e come per il suo primo film “Mare di Grano” riesce a promuovere con estro e originalità il nostro territorio nel mondo.” Matteo Cichero coproduttore del film.

“Per chi è appassionato di natura in generale, succede spesso, trovandosi a contatto di particolari scenari e singolari condizioni, di percepire un’energetica “presenza” spirituale, qualcosa di sublime e di elevato, che va oltre i semplici canoni di giudizio estetico, questo “vitale” elemento è il VENTO. Le location siciliane scelte per girare questo film, conducono il popolo in cammino con il suo Dio, sostenuti dall’alito esistenziale per la loro  “pregrinatio animae”. Grazie a Fabrizio Guarducci per questo film, una grande opportunità per la mia Sicilia, anche in ambito didattico, auspico che le istituzioni si adoperino alla promozione e divulgazione.”

Un appuntamento da non perdere, dunque, per vivere un’esperienza cinematografica unica e irripetibile.

 

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome