Il Circolo delle Lucertole presenta Mamma Eroina

0
237
Mamma Eroina

Al Circolo delle Lucertole di Barcellona Pozzo di Gotto proseguono gli appuntamenti all’insegna delle emozioni. Venerdì, alle ore 21.00,  andrà in scena una pièce dal  forte impatto emotivo dal titolo  Mamma Eroina, diretta da Pierpaolo Saraceno e interpretata  da Maria Paola Tedesco. L’opera affronta il difficile tema dell’essere genitori con tutti i problemi e le incomprensioni che si presentano quotidianamente, ma la storia della protagonista è ancora più complessa poiché ha a che fare con una figlia drogata.

Mamma eroina è una donna che lavora, che si alza presto la mattina e pulisce gli uffici di una importante azienda. Una donna che fa tanti sacrifici per far fare una vita dignitosa ai suoi due figli, Rosa, la più grande e Leandro, il piccolino di casa. Una donna stanca, che non hai mai tempo per sé ma lo fa con amore perché lo fa per i suoi figli.

Ambientato nella sala d’attesa di un ospedale, Mamma Eroina  è uno spettacolo che sin dalle primissime battute farà avvertire allo spettatore tutta la forza della disperazione che si svolge sotto i suoi occhi.

 Via via che lo spettacolo procede, Mamma Eroina , si lascia andare e comincia a parlare al pubblico del suo passato, del viaggio di nozze a Fiuggi, di episodi di quando lei era ragazza. E’ dura per una madre ammettere ciò che rende difficile la propria vita, ma bisogna pur farlo. Il forte dolore di questa madre si evince in ogni monologo, in ogni episodio. La condizione principale che si vive in queste situazioni è l’impotenza. Si prova di tutto, si fa di tutto per far uscire la persona cara da quel maledetto tunnel, ma nulla. Spesso è inutile e, anzi, porta ad un maggior distacco. Poi arrivano i sensi di colpa “dove ho sbagliato?” “Dovevo darti più amore, dovevo capirti di più?”

Tutto questo è ciò che prova Mamma Eroina in questo monologo così profondo, così intimo, a tratti devastante. Mamma Eroina, in fin dei conti, è una madre come tutte, una madre con un morbido cuore, una madre che farebbe di tutto per i propri figli.
Una  tematica profonda, dunque, per uno spettacolo difficile da dimenticare che farà conoscere allo spettatore gli immensi tormenti dell’animo umano.

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome