L’artista Giovanni Iudice ospite al Museo Epicentro

0
172

Grande successo per la XVIII° edizione della Giornata del Contemporaneo, avuta luogo lo scorso sabato che, al Museo Epicentro, è stata celebrata con la consegna del “Premio Trinacria Circolare” e “Impronta d’Autore” all’artista Giovanni Iudice. La grande manifestazione internazionale, promossa da AMACI, e la collaborazione della Direzione Generale per la Diplomazia Pubblica e Culturale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e del patrocinio di ICOM Italia e  il Museo Epicentro hanno voluto celebrare la figura di Giovanni Iudice, l’artista del mare che da oltre venti anni racconta, attraverso i suoi quadri,  il dramma dei migranti.

Iudice si è raccontato in una lunga intervista condotta dall’architetto Rosario Andrea Cristelli, Direttore del Museo Epicentro che ha  tratteggiato in modo trasversale la figura dell’artista di rilievo nel panorama culturale nazionale e il grandissimo valore umano della persona. Un dialogo profondo e coinvolgente che ha interessato il vasto pubblico che solo alla fine ha rotto il magico silenzio per contribuire con domande e attestati di stima per l’ospite d’onore. Durante il dialogo, l’architetto Cristelli ha letto una testimonianza della storica dell’arte Valentina Certo, impegnata all’estero nelle sue ricerche ma che teneva particolarmente a condividere un pensiero sull’artista.

Il Premio “Trinacria Circolare” è stato consegnato dai fondatori di Epicentro Nino Abbate e Salva Mostaccio e subito dopo Giovanni Iudice ha impresso la sua “Impronta d’Autore” su mattonella d’argilla. La nuova formella di terracotta con l’impronta di Giovanni Iudice andrà quindi ad arricchire la collezione d’arte contemporanea del Museo Epicentro. Il Maestro Iudice ha inoltre donato una sua opera originale per impreziosire la collezione del Museo Epicentro dal titolo “L’Estate fredda”, “un’opera pittorica del 2022, di formato 29,07 x 29,00 cm che sarà montata su supporto quadrato di lato 30.

Un racconto pittorico di grinta, rabbia, forza e libertà; natura e sentimento.” Molti artisti e intellettuali della provincia hanno reso omaggio a Giovanni Iudice, accompagnato dal fotografo Sebastiano Favitta che, da oltre un decennio, associa la sua ricerca artistica all’attività di promozione e conoscenza della cultura fotografica e che dal 1998 è impegnato nella cura dell’attività espositiva della Galleria Fotografica Luigi Ghirri di Caltagirone, città di origine dove vive e opera. Il Direttore Cristelli, nell’occasione, ha manifestato il desiderio di avere presto in collezione una sua opera fotografica che con il piacere di Nino Abbate, avendo accettato di buon grado l’invito, ben presto contribuirà ad arricchire la collezione. Unica presenza del mondo politico, in veste non istituzionale, la Consigliera Comunale Ilenia Torre che ha potuto scambiare il suo pensiero con l’artista a margine della serata.

Ancora una volta la Sicilia si può ritenere madre orgogliosa dei suoi figli che tengono alto il suo nome nel mondo.

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome