Elena Sofia Ricci veste i panni di Rita Levi Montalcini

0
132

L’attesa è quasi al termine. Il ritorno di Elena Sofia Ricci sul piccolo schermo era nell’aria. L’attrice fiorentina  tornerà  su   Rai1, giovedì prossimo, alle ore 21.00, per dare volto e anima a Rita Levi-Montalcini nell’attesissimo film di Alberto Negrin.

Ad affiancare Elena Sofia Ricci un grandioso cast capitanato da Luca Angeletti, nel ruolo di Franco, il collaboratore storico della Levi-Montalcini, e poi  Ernesto d’Argenio in quello di Lamberti, Franco Castellano nei panni del Professor Levi, Maurizio Donadoni in quelli del Professor Poli-Richeter e la giovane Elisa Carletti nelle vesti di Elena, una violinista di soli 12 anni che rischia di perdere la vista e che nella narrazione filmica diventa la fiamma che riaccende nella scienziata, ormai alla fine della sua carriera, la voglia di tornare a cimentarsi con il lavoro in laboratorio.

La narrazione cinematografica parte dal culmine della carriera scientifica della Montalcini e analizza con sensibilità il dilemma morale che le ha amareggiato gli ultimi anni di attività: l’impossibilità di trovare un’applicazione clinica alla sua scoperta scientifica, il Fattore di Accrescimento Nervoso (NGF). La vicenda di fantasia della piccola Elena, che rischia la cecità, è il pretesto narrativo che consente di mettere in scena la battaglia morale che la grande scienziata ingaggia con se stessa, combattuta tra la paura di fallire e la tentazione di sedersi sugli allori. Rita alla fine accetta la sfida rischiosa di rimettersi di nuovo in gioco quasi al termine del suo prestigioso cammino.

La voglia di portare la scienza verso nuovi traguardi vince sull’orgoglio e sul timore del fallimento e Rita torna in laboratorio, con lo stesso entusiasmo dei suoi giovani collaboratori e con la consueta determinazione. Dimostrando a se stessa che la ricerca e la scienza non si possono fermare, in nome del progresso e del benessere dell’umanità.

Il film  vuole essere  un omaggio a uno dei più grandi personaggi della recente storia italiana.

 

RISPONDI

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome